fbpx

3 Luglio: Il Tino diventa l’Isola Parlante

L'Isola del Tino si apre al pubblico con una serie di imperdibili visite programmate tematiche curate dall'Associazione Amici dell'Isola del Tino. Sabato 3 Luglio è la volta de L'Isola Parlante, per pronunciare forte in diversi modi, il “no“ alla violenza sulle donne. 

Un’ampia rete, istituzionale ed amicale, ha reso l’isola simbolo di speranza per il nostro oggi e per il futuro. Il Tino è divenuto luogo e occasione di riflessione e cooperazione, a vari livelli, per maturare sinergie e percorsi educativi e culturali che mettano in primo piano il valore assoluto della persona umana, tanto più quando questa è debole e fragile.

L’Isola del Tino dalle onde. Ph. Elisabetta Cesari

Navigazione Golfo dei Poeti si fa portatrice – in tutti i sensi! – dei valori promossi dall’iniziativa dell’Associazione, con un servizio di trasporto dedicato esclusivamente a questa importantissima giornata. Sono previsti due turni di visita all’Isola, ognuno per un massimo di 100 persone: Dalle 9.30 alle 14.00 e dalle 13.30 alle 19.00. Per entrambi i turni, è da oggi possibile acquistare il biglietto online, per assicurarsi così la prenotazione per la giornata. 

I “no” alla violenza sulle donne: gli eventi

Le strutture milenarie sull’Isola del Tino fanno da scenario alla giornata

Gli “amici dell’isola del Tino odv” accoglieranno ed accompagneranno soci e ospiti attraverso i sentieri dell’isola godendo di arte, natura, cultura, paesaggi e incontrando persone, istallazioni, spunti di riflessione. Gli ospiti saranno guidati e ampiamente informati sulle peculiarità dell’isola, sui servizi e sui comportamenti a cui si dovranno attenere per il rispetto dell’ambiente. La installazioni che si potranno incontrare sull’Isola del Tino, per la sensibilizzazione sul tema della violenza sulle donne sono davvero interessanti.

Nella Santa Barbara del faro di San Venerio un’istallazione scientifico musicale, realizzata dal giovane artista Leonardo NEVARI. Con il moto ondoso rilevato attorno al Tino e un algoritmo di sua invenzione, Leonardo Nevari ha creato un canone infinito a quattro voci che si rincorrono: onde di musica, onde di mare, esperienza immersiva ed emozionale guidata da una voce di donna, la mezzosoprano Margherita Scaramozzino, che le onde le interpreta e canta.

L’associazione radio amatori italiani porteranno sull’isola del Tino le loro attrezzature e si daranno disponibili a spiegarne il funzionamento e ancora di più a lanciare in orbita e in tutto il globo i messaggi di pace, di amore e contro la violenza sulle donne che vorremmo loro affidare. Un incontro: Tea Ranno, ambasciatrice di cultura per la sua Sicilia, autrice di romanzi racconta la sua terra, la sua isola e scrivendo denuncia sopraffazioni, violazioni e soprusi e scrivendo canta la forza delle donne, della poesia e della luce che quando toccano le cose le sanno cambiare in bellezza. A questo incontro parteciperanno responsabili che si occupano di donne maltrattate o in difficoltà.

Un breve reading teatrale tratto da “Sentimi”, un romanzo di Tea Ranno e messo in scena da Kraken porterà di nuovo la riflessione sulla condizione femminile quando è vittima di violenza. Sull’isola arà presente l’ANMIProtezione Civile con i loro cani da soccorso e giovani donne volontarie sul territorio veneto e Trentino.